Miglioramento del manoscritto – La regola del 10%

Liberamente ricavata e tradotta dal libro “On Writing” di Stephen King.

È una regola semplice. Dopo aver terminato la prima bozza del romanzo, lasciamolo riposare almeno un mese, meglio due. Se si tratta di un testo breve, alcune ore saranno sufficienti.

Poi, riduciamo il numero di parole di almeno il 10%.

Poi, ottimizziamo lo scritto. In che modo realizzarlo? Togliendo le parole non necessarie.

Eccoci un esempio Un esempio dal libro (pp.340, bozza per ‘1408’):

Mike si sedette in una delle sedie di fronte alla scrivania. Si aspettava che Ostermeyer si sedesse dietro la scrivania, dove poteva trarne autorità, ma Ostermeyer lo sorprese. Si sedette sull’altra sedia, su quello che probabilmente pensava fosse il lato degli impiegati della scrivania.

Ridotto a:

Mike si sedette di fronte alla scrivania. Si aspettava che Olin si sedesse dietro la scrivania, ma Olin lo sorprese. Ha preso la sedia accanto a Mike.

Questo è un caso estremo, in cui King riduce il numero di parole da 51 a 26 (51%).

Tuttavia, è una buona regola. In generale, il nostro testo sarà più facile e chiaro da leggere e il nostro messaggio più comprensibile.

Assicuriamoci di rimuovere o sostituire la maggior parte delle congiunzioni inutili come “che”, “credo che” e avverbi che terminano con “-ente”.

Un esempio? Eccolo.

Gianni si avviò verso l’auto e guardò attentamente il parabrezza completamente coperto di foglie. Non c’era anima viva. Cominciò a camminare lentamente, guardandosi intorno. La brezza del mattino gli accarezzava dolcemente i capelli.

Questo potrebbe essere il risultato:

“Gianni si avviò verso l’auto e guardò con attenzione il parabrezza ricoperto di foglie. Non c’era anima viva. Cominciò a camminare in modo circospetto, guardandosi intorno. La brezza del mattino gli accarezzava i capelli con dolcezza.”

Ma ricordiamoci di non esagerare!

King offre anche un esempio in cui la bozza originale viene espansa:

“Ciao, ex moglie”, disse Tom a Doris mentre entrava nella stanza.”

Diventa:

“Ciao, Doris,” disse Tom. La sua voce suonava naturale – alle sue orecchie, almeno – ma le dita della sua mano destra si insinuarono nel posto dove era stata la sua fede fino a sei mesi prima.”

Fatemi sapere i vostri commenti. Buona scrittura

Pubblicità

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...